Le 5 domande da fare ad ogni agente immobiliare prima di dargli l'incarico di vendita

01/03/2018

Ecco cosa devi chiedere alle agenzie immobiliari di Torino per essere certo che siano in grado di vendere la tua casa e non farti fregare

Qual è la cosa a cui gli italiani tengono di più dopo la famiglia?

A questa domanda alcuni uomini risponderebbero l’auto (o la moto) e alcune donne le scarpe (o le borse) ma, a parte le battute, le statistiche confermano che la maggior parte delle persone dice “La casa”.

In effetti, possedere un’abitazione richiede spese e sacrifici e, salvo poche eccezioni, si tratta del bene più costoso che si acquista e si vende durante l’arco della vita.

Di conseguenza, la preoccupazione maggiore nel momento in cui si decide di cambiare casa, è avere meno problemi e più guadagno possibili dalla vendita di quella che si lascerà.

Questo porta a credere che occuparsi della vendita in prima persona possa esporci a meno rischi e fregature. Se poi aggiungiamo che la categoria degli agenti immobiliari non sempre gode di una buona reputazione, il quadro si completa e le paure aumentano.

Probabilmente, vista la necessità di vendere il tuo appartamento, anche tu sei attanagliato da questi pensieri e stai cercando di capire come muoverti senza commettere sbagli. Altrimenti perché dovresti leggere questo post?...

Beh, vorrei esserti d’aiuto dandoti subito due importanti consigli:

  • Se vuoi evitare notti insonni e non hai intenzione di modificare radicalmente (in peggio) i tuoi ritmi di vita da oggi e fino a quando non riuscirai a vendere la tua casa, evita di provare a fare tutto da solo.
  • Non commettere l’errore di affidare la vendita della tua casa al primo agente immobiliare che capita, neppure se si tratta di un amico o se chi te lo ha consigliato non ne ha testato in prima persona la professionalità.

Dato che la vendita “fai da te” non è il tema di questo articolo, per conoscere i motivi del mio primo consiglio, ti invito a scaricare il mio e-book “Come vendere casa a Torino velocemente”, dove troverai un capitolo che te li spiegherà molto bene.

Vendere casa a Torino

La casa è un bene prezioso per la famiglia

Concentriamoci, dunque, sul secondo suggerimento.

Come abbiamo visto, la casa è un bene prezioso e fondamentale per la tua famiglia e altrettanto preziose devono essere le mani in cui lo metterai per trasformarlo in denaro.

Se fossi malato o dovessi far curare tuo figlio, contatteresti un medico generico solo perché è vicino a casa tua o perché gira voce che sia bravo? Oppure lo sceglieresti con la massima attenzione, accertandoti che sia davvero lo specialista adatto per risolvere il problema nel migliore dei modi?

La risposta è scontata vero? Peccato che pochissimi proprietari si pongano la stessa domanda quando decidono di vendere casa, nonostante l’errata scelta dell’agenzia immobiliare sia una delle principali cause di mancata vendita o, nei casi migliori, di una vendita in tempi lunghi e con scarsi introiti.

Per scongiurare questi rischi, però, esiste una soluzione che puoi mettere in pratica senza troppa fatica: preparare cinque domande mirate che ti permetteranno di capire se l’agente che hai di fronte è davvero quello che venderà il tuo appartamento nel minimo tempo e con la massima resa economica.

Ecco cosa dovrai chiedergli.

1. In che modo stabilirà il giusto prezzo di vendita della mia casa?

Calcolare il giusto prezzo fin da subito è il primo step per ottenere una vendita veloce e vantaggiosa. Peccato esistano agenti che, pur di prendere un incarico di vendita, cercano di accontentare lo sprovveduto cliente sovrastimando il valore del suo immobile.

D’altronde perché non firmare l’incarico di un agente che promette di farti guadagnare quello che vuoi e che, guarda caso, ti conferma che la casa vale esattamente quanto pensi tu…

Vuoi sapere come andrà a finire? Che dopo qualche settimana (se non mese) di visite a vuoto o di silenzio totale, ti proporrà di abbassare il prezzo con la scusa che il mercato è cambiato.

Ma ti assicuro che il mercato non muta da un mese all’altro e lui lo sapeva benissimo quando ti ha fatto firmare il suo mandato.

Un bravo agente, al contrario, fa una stima basandosi su una nutrita serie di fattori oggettivi: dimensioni, posizione, caratteristiche della casa, dello stabile e della zona. Ma, anzitutto, analizza la specifica situazione di mercato, confrontando il tuo alloggio con quelli di pari caratteristiche offerti nella stessa area.

Risultato: il prezzo dell’appartamento apparirà fin da subito appetibile ai potenziali acquirenti e non serviranno tante visite e tanto tempo per venderlo.

2. Come gestirà l’attività promozionale di vendita della casa?

La promozione è una fase cruciale nel processo di vendita di una casa. Se il tuo annuncio non è visibile e non si differenzia rispetto a quelli dei tuoi concorrenti, le chance di vendere il tuo appartamento scenderanno drasticamente. E sappi che a Torino e Provincia la concorrenza è numerosa (e spietata).

Perciò, se l’agente non ti sa descrivere minuziosamente le azioni che metterà in atto per promuovere il tuo alloggio, significa che agirà senza alcuna strategia di vendita. In questo caso, alzati dalla sedia, gira i tacchi e scappa, perché ti sta solo facendo perdere tempo.

Un agente che fa bene il suo lavoro, invece, mette in atto la giusta tattica pubblicitaria e seleziona per ogni immobile i canali migliori su cui investire per garantirti il massimo della visibilità.

Oltre a preparare annunci studiati nei minimi dettagli, contatta i clienti già presenti nel database dell’agenzia e in target con la tua offerta e si avvale della collaborazione di altre agenzie per poter concludere la vendita in tempi rapidi.

Ovviamente monitora costantemente queste attività e ti fornisce dei report periodici per ottimizzare la strategia insieme, se necessario.

5 domande da fare all'agenzia immobiliare

Cosa chiedere all'agente immobiliare

3. Da quanto tempo svolge l’attività di agente immobiliare?

Per vendere una casa, soprattutto in una grande città come Torino, è necessaria un’ottima conoscenza del territorio e del mercato locale. E solo tanti anni di esperienza permettono di raggiungere questo livello.

Non ho nulla contro i giovani agenti rampanti, anzi. Se hanno alle spalle un’agenzia esperta e storica, facilmente saranno degli ottimi venditori, ma devi esserne certo. Per cui chiedi informazioni sulla storia dell’agenzia, sui clienti serviti negli anni e sulle abilitazioni possedute.

Non è raro, infatti, imbattersi in pseudo-professionisti, che svolgono l’attività immobiliare part-time, perché il loro mestiere è un altro: amministratori di condominio, geometri, imprese di costruzione, ecc. Queste figure, con tutto il rispetto per loro, non hanno la specializzazione necessaria per renderti un servizio efficace.

Il vero agente immobiliare è un agente a tempo pieno e, se è in attività da molti anni, significa che ha fatto un buon lavoro. Infatti, considerando il valore dei beni che tratta, se non è un professionista capace, sparisce dalla piazza in men che non si dica.

4. Curerà da solo la vendita del mio alloggio?

Se vuoi che la tua casa sia venduta rapidamente e al giusto prezzo, devi accertarti che le varie fasi dell’operazione si svolgano senza intoppi.

Gli annunci devono essere pubblicati e monitorati puntualmente, le telefonate fatte ad ogni possibile interessato, le visite svolte secondo le esigenze tue e dei potenziali acquirenti, la documentazione tecnica e amministrativa raccolta e verificata.

Per scattante che sia, un agente che lavora da solo difficilmente può seguire tutte queste incombenze senza intoppi.

Per cui non farti problemi a chiedergli come è organizzata la sua agenzia, quali ruoli svolgono i suoi collaboratori e a chi di loro dovrai rivolgerti in caso di bisogno.

La disponibilità costante e la preparazione specifica di ogni membro della struttura è sempre garanzia di un lavoro svolto in maniera impeccabile.

5. Quante case ha venduto nell’ultimo anno rispetto agli incarichi affidati?

Se hai già cominciato a girare le agenzie per decidere a quale far vendere il tuo alloggio, ti sarà capitato di notare un certo numero di volantini di vendita affissi sulle loro vetrine.

Ti voglio rivelare un trucchetto: non basarti sulla quantità dei cartelli che ci sono, ma chiedi all’agente da quanto tempo sono in vendita gli immobili pubblicizzati. Se è onesto non avrà alcun problema a darti l’informazione che chiedi.

Se non lo è, ti basterà ripassare in seguito davanti all’agenzia e controllare se ci sono ancora gli stessi annunci, magari scoloriti perché esposti per mesi a far le ragnatele.

Un’agenzia efficiente tratta parecchie vendite durante l’anno e ha un ricambio costante delle offerte pubblicate.

Vuoi aggiungere un dato in più? Chiedi all’agente che percentuale di vendite ha effettuato rispetto al numero di incarichi affidatigli. Infatti, oltre al numero di mandati acquisiti, la competenza di un professionista è determinata da quelli portati a termine con successo.

Ci sono altre domande da fare all’agente immobiliare?

Queste sono le cinque domande indispensabili che devi fare ad un agente immobiliare per avere un’ottima base di partenza sulle sue capacità e, quindi, sulla buona riuscita della vendita di casa tua.

Naturalmente ne esistono altre che potrebbero affinare ancora meglio la tua ricerca, ma le tengo in serbo per i prossimi post. Per cui continua a seguire il nostro blog e non te ne pentirai.

Se, però, hai già la tua lista di dubbi pronta, non perdere altro tempo e contattami usando il form che trovi qui sotto. Non vedo l’ora di trasformarli in certezze…

A presto!

Crediti immagini: Designed by Creativeart / Freepik