Vendere casa da solo o farsi seguire da un agente immobiliare a Torino?

08/02/2019

Per riuscire vendere il tuo appartamento facendo a meno dell’aiuto di un agente devi avere a disposizione tanto tempo e un certo fiuto. Ecco perché…

vendere casa senza agenzia

Vendere casa solo è facile?

Un paio di mesi fa ho scritto un post nel quale ho spiegato perché vendere casa a Torino da soli è problematico e non funziona. Lo hai letto vero?...

Beh, se non lo hai fatto, poco male: ti basta seguire il link sopra e, in soli cinque minuti, raccoglierai delle informazioni fondamentali e strettamente connesse a quello che ti racconterò tra un po’.

In quell’articolo, infatti, avevo anticipato che scegliere se essere un venditore “fai da te” oppure un “faccio fare a chi sa” è un tema complesso e senza risposte valide universalmente.

In particolare avevo trattato in dettaglio due tra gli aspetti primari di una compravendita immobiliare che, in parecchi casi, spostano l’ago della bilancia verso una soluzione piuttosto che l’altra:

  1. l’importanza di stabilire fin da subito il prezzo esatto della casa
  2. la capacità di pubblicizzarla in modo adeguato e mirato

Ma, come avevo detto in chiusura d’articolo, questo è solo l’inizio…

Oggi, quindi, continuerò con l’analisi di un altro paio di caratteristiche che non puoi non possedere se stai pensando a come vendere il tuo appartamento a Torino senza affidarti a un’agenzia.

La disponibilità telefonica è il punto debole della vendita immobiliare in solitaria

A meno che tu non sia il rampollo di una ricca famiglia di proprietari che può dedicare l’intera giornata alla gestione del proprio patrimonio immobiliare, la tua vita è di sicuro fatta di corse dietro a una miriade di altri impegni.

Credo di non sbagliare dicendo che la tua giornata tipica scorre più o meno così:

  • sveglia alle prime luci dell’alba
  • gincane nel traffico per portare i figli a scuola
  • almeno 8 ore di lavoro
  • altro tuffo nel caos stradale per riprendere i pargoli e scorrazzarli in palestra e affini
  • disbrigo di commissioni e capatina al supermercato
  • cena più o meno tranquilla
  • svenimento meritato tra le braccia di Morfeo

A parte qualche ovvia variante sul tema, tutti (me compreso) abbiamo costantemente i minuti contati. E questo non è certo il miglior presupposto quando vuoi vendere velocemente casa a Torino.

E-book - Come vendere casa a Torino velocemente

SCARICA L'E-BOOK gratuito

Lazzarino, ma nel week end il tempo per scrivere e pubblicare un annuncio di vendita posso trovarlo…

Ne sono assolutamente convinto.

Peccato che non abbiano ancora inventato gli annunci con risposta automatica!

Ebbene sì, l’incubo di chiunque vende l’abitazione da solo non è occuparsi delle fasi preliminari del marketing (che, anzi, può essere addirittura il lato divertente dell’avventura). Il tasto dolente è l’accorgersi presto di non essere in grado di rispondere al telefono ogni volta che squilla.

Ricorda che una delle regole auree del buon venditore è:

Ogni “Pronto” mancato è un triste passo verso la perdita del compratore ideale

Trent’anni di attività sul campo mi hanno insegnato che, se non rispondi subito ad un potenziale cliente, le possibilità di chiudere l’affare calano drasticamente.

Infatti, nel tempo che impiegherai a ricontattarlo, avrà già chiamato altre agenzie o privati, pronti a proporgli la casa dei suoi sogni.

E per tanto che ti possa organizzare, difficilmente riuscirai sempre a rispondere personalmente e all’istante a tutti. Se vuoi vendere da solo, dunque, preparati a tenere il telefono a portata di mano, costantemente acceso.

Laddove per qualche motivo non ti fosse possibile, trova un membro della famiglia che possa farti da segretario e sia in grado di rispondere bene come faresti tu alla raffica di domande che gli interessati gli porranno.

Non ti illudere, non basterà far comunicare che richiamerai, perché nel frattempo gli interessati avranno già trovato altri venditori disponibili.

Un altro terribile inconveniente sono le innumerevoli chiamate che riceverai dalle agenzie, che tenteranno di convincerti ad affidar loro la tua casa in vendita o che vorranno intermediare per conto dei propri clienti.

In questo caso hai due possibilità:

  1. sbattere loro il telefono in faccia
  2. farti allettare e trovarti a trattare con chi è molto più bravo di te nelle mediazioni immobiliari

Lascio a te indovinare come finirà…

Per vendere casa da solo devi sapere come selezionare i potenziali acquirenti

selezionare i potenziali compratori

Se non selezioni con cura i contatti difficilmente venderai l'alloggio rapidamente

Spesso mi è capitato di parlare con clienti che, prima di venirmi a trovare, hanno provato a vendere l’abitazione per conto proprio.

In diversi di questi colloqui è venuta fuori una situazione comune: avviata la fase promozionale, i proprietari sono stati travolti da un’ondata di entusiasmo per la gran quantità di richieste d’appuntamento. Si vedevano già dal notaio con la penna in mano pronti ad incassare l’assegno delle meraviglie, compilato con l’esatta cifra che avevano indicato sull’annuncio, senza neppure un euro di meno.

Entusiasmo che però si è spento rapidamente. Vuoi sapere perché?...

Semplice, la stragrande maggioranza di chi li ha contattati appartiene per lo più alle seguenti categorie:

  1. le giovani coppie, intenzionate a metter su casa in un futuro non tanto prossimo e che vistano le case sperando di raccogliere dalla lista nozze almeno i soldi per la caparra
  2. i cosiddetti “turisti immobiliari”, ovvero personaggi che vagano da anni alla ricerca dell’abitazione ideale, non trovandola, ma che non demordono e passano i giorni a visitare alloggi a casaccio, sperando che il fato gliela faccia prima o poi incontrare
  3. i curiosi, quelli che si stanno facendo solo un’idea e non hanno neppure cominciato a preoccuparsi se possono accedere ad un mutuo
  4. gli spioni, spesso agenti immobiliari “in borghese” alle prime armi, che approfittano della buona fede dei proprietari per carpire informazioni a favore della concorrenza o per accaparrarsi il mandato con l’inganno

Solo se vendi case per lavoro riesci a fiutare a un chilometro di distanza questi individui e troncare sul nascere qualsiasi appuntamento inutile.

Viceversa, se veramente sei convinto di vendere da solo, devi possedere anche l’intuito dell’investigatore.

Se non lo hai, cerca almeno di stabilire fin da principio chi vuoi e non vuoi ricevere, perché aprire le porte a chiunque è uno degli errori da non commettere se vuoi vendere casa.

Il tuo obiettivo, appunto, non è far diventare il tuo alloggio la piazza del mercato, ma attrarre solo chi è davvero interessato e, più importante ancora, chi ha la possibilità economica di acquistare.

Le statistiche di settore parlano chiaro:

  • l’80% (!) dei compratori deve vendere il suo appartamento prima di comprare il tuo
  • il12% non può acquistarlo perché non ottiene il mutuo
  • il 6% (alla fine) opta per la locazione

Ne consegue che soltanto il 2% del tuo potenziale target è pronto per comprare subito.

Perché potresti vendere più rapidamente casa affidandoti a un mediatore

So che la provvigione dell’agenzia immobiliare ti spaventa, ma ti assicuro che devi temere molto di più di non riuscire a vendere il tuo alloggio velocemente e con un buon incasso.

Come credo tu abbia dedotto leggendo quello che ho scritto fino ad ora, basta davvero poco per sbagliare e perdere tempo prezioso. L’insieme di questi imprevisti equivale alla brusca svalutazione del tuo appartamento e stiamo parlando di cifre ben superiori a quelle del compenso di un agente.

Nell’attuale mercato del mattone torinese, che ristagna già da diversi anni, non ti puoi permettere leggerezze né azioni da principiante, perché non sarà certamente la fortuna a servirti il compratore perfetto su un piatto d’argento.

Chiedendo la consulenza di un’agenzia, invece, avrai la sicurezza che, durante tutto l’arco della giornata, ci sarà qualcuno pronto a rispondere alle chiamate e, soprattutto, preparato ad affrontare ogni genere di richiesta.

Un agente immobiliare ha sviluppato negli anni la capacità di capire chi ha di fronte, anche solo parlandogli al telefono, e sa distinguere al volo un potenziale acquirente da un semplice curioso, un concorrente o un perditempo.

Le agenzie si occupano anche di scartare subito i potenziali compratori problematici, quelli che ti farebbero perdere tempo o che potrebbero causare complicazioni in fase di acquisto.

È bene pure che tu sappia che tutte le agenzie hanno anche una banca dati di contatti, fra i quali qualcuno potrebbe aver comunicato il desiderio di acquistare una casa come la tua.

Questo strumento è formidabile perché, sovente, permette di accorciare parecchio i tempi di vendita. Infatti all’agenzia basterà selezionare i nominativi già in target e proporre loro il tuo alloggio.

Nei casi migliori, dunque, potrebbero addirittura esserci più interessati qualificati disposti ad accaparrarsi il tuo appartamento.

Ricorda che il tuo tempo è prezioso e, piuttosto che sprecarlo per rimbalzare gli scocciatori, investilo per scegliere la giusta agenzia.

Morale della favola: la tua casa merita di essere venduta bene, per cui non giocare al risparmio, perché si rivelerebbe solo una perdita.

Se sei dello stesso parere, Panorama Casa potrebbe essere l’agenzia che fa al caso tuo e la buona notizia è che per averne la certezza ti basta compilare il form a fondo pagina e richiedere la tua prima consulenza gratuita con me o con un dei miei colleghi.

Ti aspettiamo, pronti a toglierti ogni dubbio e a bere un buon caffè insieme a te.

A presto!

Crediti immagini: Designed by luis_molinero, rawpixel.com /Freepik