Come vendere la tua casa a Torino più velocemente e ad un prezzo più alto

16/03/2018

Per vendere casa in fretta senza essere costretto a svenderla devi acquisire le consapevolezze tipiche del proprietario vincente. Vediamo quali sono.

Vendere una casa non è un’operazione che si fa tutti i giorni, anzi, per la maggior parte degli italiani è “la vendita” della vita.

A Torino (e provincia) questa situazione è ancor più reale, perché si tratta di una città dalle radici operaie e lo sviluppo residenziale dell’ultimo secolo lo dobbiamo soprattutto alla massiccia presenza di lavoratori dell’industria automobilistica e del suo indotto.

Non siamo quindi un popolo di ricchi speculatori immobiliari, ma di piccoli proprietari che hanno nella casa la ricchezza più grande della propria famiglia.

Escludendo, dunque, i proprietari che compravendono immobili per metterli a reddito, i clienti che ci contattano per affidarci un incarico di vendita sono inquadrabili in due grandi famiglie:

  • Quelli che si trovano a vendere casa per la prima volta nella loro vita
  • Quelli che hanno già venduto almeno un altro alloggio in passato

Sai qual è la principale differenza tra questi due gruppi?

La consapevolezza

Il proprietario consapevole vende casa per primo e col maggior guadagno

Ti spiego meglio: chi si è già trovato nella situazione di vendere un appartamento, sa che non si tratta di una passeggiata, ma di una vera e propria maratona.

Nessuna fase di questo processo è semplice da gestire e da monitorare e, più l’immobile resta sul mercato, minori sono le possibilità di ricavare la cifra che ci si aspettava in partenza.

Chi ha già venduto casa questo lo sa benissimo e, nel momento in cui si trova a ripetere l’esperienza, parte con un enorme vantaggio: sa quali sono i suoi limiti.

Così si concentra solo sugli aspetti che è necessario che segua lui direttamente e, per le incombenze più complesse (che sono davvero numerose), si rivolge ad un professionista che lo affianchi.

vendere casa con il massimo guadagno

Il proprietario consapevole vende casa per primo

Insomma, questo tipo di proprietario è consapevole che per vendere casa velocemente e senza perdere denaro deve partire subito col piede giusto e con una strategia pianificata per ogni tappa del percorso.

Viceversa, il proprietario “esordiente”, paga la sua inesperienza: si concentra solo sul traguardo e pensa che sia semplice tagliarlo. Ma presto si accorge che l’entusiasmo non è sufficiente.

Nonostante la fatica, gli altri proprietari che corrono la stessa gara, forti di una buona tattica, lo sorpassano e, in poco tempo, arrivano all’obiettivo.

E, come in tutte le competizioni, ottiene un premio importante solo chi arriva nelle prime posizioni. Gli altri, purtroppo, si devono accontentare delle briciole o rinunciare del tutto.

Ma, con un buon allenatore, anche chi è alle prime armi può raggiungere i primi.

Perciò, se rientri nella schiera dei venditori esordienti, leggi con molta attenzione i suggerimenti che sto per darti e conquisterai il tuo podio.

A cosa devi stare attento se vuoi vendere un alloggio a Torino velocemente

Penso sia chiaro che per ottenere in breve tempo i risultati che ti aspetti dalla vendita della tua abitazione dovrai acquisire una serie di consapevolezze.

Ti cito le principali:

  • La prima è che non sei il solo a dover vendere un alloggio a Torino e neppure nella tua zona. Per darti l’idea delle dimensioni della concorrenza, posso dirti che nel solo 2017 sono stati pubblicati nella nostra città oltre 40.000 annunci immobiliari, con una media di più di 1.000 per ciascun quartiere.
  • La seconda è che il prezzo del tuo appartamento non lo stabilisci tu, ma il mercato.
  • La terza è che la vendita di una casa non si limita alla pubblicazione di qualche annuncio e ad aspettare di essere chiamato.
  • La quarta è che la casa va preparata prima di darla in pasto ai visitatori.
  • La quinta è che esistono normative tecniche, amministrative e fiscali che devi rispettare nella maniera più assoluta se vuoi mettere in vendita un immobile senza finire nei guai.

Ho approfondito dettagliatamente ciascuno di questi aspetti nell’e-book "Come vendere casa a Torino velocemente", che ti invito a leggere.

In questo post, invece, vorrei soffermarmi sull’aspetto dell’ottimizzazione del guadagno derivante dalla vendita di un alloggio.

L’errore che determina il ritardo della vendita e il ribasso del prezzo della casa

In un precedente articolo ti ho spiegato come stabilire il giusto prezzo di vendita di una casa a Torino.

In quell’occasione abbiamo visto che, per evitare di fissare una cifra errata, è indispensabile studiare gli annunci della concorrenza e saper stimare oggettivamente le caratteristiche del tuo alloggio, del palazzo e del quartiere dove esso è situato.

Effettuare una valutazione corretta, però, non è l’unica azione che dovrai compiere per ottenere una buona remunerazione al momento della chiusura della trattativa.

Infatti, se hai già avuto occasione di accogliere nella tua abitazione qualche visitatore proveniente dai tuoi annunci o dalle agenzie, probabilmente sarai incappato anche in individui più simili a turisti curiosi che a veri interessati.

Questo è un inconveniente che non dovrebbe mai accadere, poiché causa tre enormi problemi:

  • Ti fa spendere energie che potresti dedicare ad altri aspetti della vendita
  • Aumenta il tempo di permanenza sul mercato del tuo alloggio
  • Ti spinge ad abbassare il prezzo per il timore di non riuscire a vendere

Sappi che puoi eliminare tutto ciò con una semplice accortezza: la selezione del giusto target.

Bel consiglio, ma come posso metterlo in pratica?

Aumentare il guadagno vendendo l’appartamento a compratori in target

Aumentare il guadagno vendendo casa al giusto target

Selezionare il target fa vendere casa a prezzo più alto

Ci sono due step della strategia di vendita della tua casa in cui puoi scegliere a chi rivolgere la tua offerta:

  • la gestione degli annunci pubblicitari
  • il primo contatto con gli interessati

Per quanto riguarda gli annunci, devi fare attenzione a come li scrivi e a dove li pubblichi.

La descrizione dell’appartamento non deve essere generica, nella speranza di attirare più persone possibili. Al contrario, deve essere indirizzata a tipologie d’utenza molto specifiche.

Ti faccio un esempio: se devi vendere un alloggio di due camere, cerca di rendere appetibile l’annuncio per una coppia senza figli o per un single. Di fatto, nessuna famiglia numerosa spenderebbe soldi per stare allo stretto. Ma se il tuo annuncio non lo chiarisce subito, rischi di ricevere visite a vuoto.

Anche il luogo dove inserisci l’annuncio è cruciale: se conti di vendere in tempi stretti, non limitarti a mettere un cartello sul portone del palazzo e a sfruttare i giornali o i siti generalisti gratuiti, ma metti inserzioni a pagamento sui portali di settore e su riviste di nicchia, perché è lì che si concentrano i compratori realmente propensi ad un acquisto veloce.

Questi due accorgimenti ti garantiscono una prima ottima scrematura, ma è nel momento del primo contatto che puoi mettere la ciliegina sulla torta.

Quando ricevi le chiamate (o le mail) per le richieste di appuntamento, prima di metterle a calendario, fai delle domande per capire se il tuo annuncio è stato ben compreso e, soprattutto, per avere la certezza che chi ti troverai di fronte abbia i requisiti, l’interesse e la disponibilità economica per acquistare la tua casa.

Non farti problemi a chiedere: considerato il valore del bene in ballo, è pienamente nel tuo diritto raccogliere tutte le referenze possibili. Chi non vuole risponderti, sicuramente non ha realmente il proposito di concludere l’affare.

Le suddette attività, oltre a farti risparmiare tempo prezioso, ti permetteranno di massimizzare le entrate: avrai la certezza che i visitatori con i quali tratterai saranno davvero attratti dalla tua casa e, dunque, difficilmente propensi a giocare al ribasso sul prezzo.

Bene, ora non ti resta che mettere in pratica questa fase della strategia.

E se non ti senti preparato ad affrontarla da solo, scrolla fino al fondo di questa pagina e compila il form di contatto.

Mi troverai dall’altra parte pronto a darti una mano.

A presto!

Crediti immagini: Designed by Kues and Waewkidja / Freepik