Panorama Casa Immobiliare BLOG

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Vivere in condominio a Torino: vantaggi e regole

Chi pensa di vivere in condominio a Torino dovrebbe considerare gli aspetti che una scelta del genere comporta: condivisione degli spazi, responsabilità verso tante altre persone, ma anche molti vantaggi, soprattutto di natura economica.

Sebbene non esista una definizione precisa di “condominio”, lo si può descrivere come un edificio in cui sono presenti degli appartamenti attribuibili ad almeno due proprietari. Il termine “condominio” deriva dal latino condominium, ovvero “dominio comune“, e può considerarsi, ad esempio, piccolo, quando al suo interno si trovano più di 4 unità immobiliari, ma meno di 8.

Ecco perché si sceglie di andare a vivere in condominio a Torino e in cosa consiste in generale il suo regolamento.

Quali sono i vantaggi di vivere in condominio a Torino?

Sono numerosi i motivi che portano un soggetto o una famiglia a vivere in condominio. Tra questi troviamo:

  • costi minimi di gestione dell’immobile
  • maggiori possibilità di risiedere in centro e nei suoi dintorni rispetto alle villette presenti nelle aree residenziali circostanti
  • godimento di servizi comuni
  • senso di appartenenza ad una comunità
  • maggiore percezione di sicurezza.

C’è tuttavia da aggiungere che vivere in condominio significa anche dover a volte affrontare delle discussioni dovute a rumori fastidiosi, gestione dell’impianto di riscaldamento o suddivisione delle spese condominiali. Per evitare di arrecare problemi, è importante allora conoscere il regolamento del condominio.

Quali sono le regole del condominio?

Secondo l’art. 1138 c.c., quando in un edificio il  numero dei condomini è superiore a dieci, è necessario compilare un regolamento. Il regolamento di condominio include le direttive riguardanti l’utilizzo delle cose comuni e la ripartizione delle spese, i diritti e gli obblighi di ogni condomino, la tutela del decoro dell’edificio e quelle relative all’amministrazione.

Più nello specifico, il regolamento deve comprendere:

  • i riferimenti catastali
  • l’identificazione delle parti comuni dell’edificio e del loro uso, di quelle coperte e scoperte e delle pertinenze
  • le regole relative al parcheggio e agli orari di silenzio
  • le indicazioni sulla ripartizione delle spese sulle parti comuni (riscaldamento, ascensore, scale)
  • le regole sul decoro dell’edificio, come la possibilità, ad esempio, di stendere la biancheria sulla facciata del fabbricato, o quella di installare antenne;
  • le informazioni sull’amministrazione dello stabile (selezione dell’amministratore, numero di consiglieri, assemblea).

Alcune delle regole possono riguardare:

  • il tipo di porte, finestre, tende da sole e infissi da scegliere in caso di sostituzione
  • il divieto di installazione di apparecchi per l’aria condizionata sulla facciata del fabbricato
  • il rispetto della chiusura dei portoni negli orari previsti.

Dove si trova il regolamento di condominio?

Il regolamento condominiale approvato è allegato al registro dei verbali delle assemblee ma si trova anche:

  • dal notaio che ha rogitato l’atto di compravendita
  • presso l’archivio notarile e la Conservatoria dei Registri Immobiliari
  • dall’amministratore di condominio.

Quanto si paga in media per le spese condominiali?

Le spese condominiali sostengono il mantenimento delle infrastrutture del condominio. Le principali sono:

  • l’energia elettrica per illuminare le parti comuni
  • l’acqua per provvedere all’irrigazione dei giardini e alle pulizie
  • la pulizia di scale e cortili
  • la manutenzione dell’ascensore
  • il riscaldamento centralizzato.

Il calcolo delle spese condominiali si basa sulla quota millesimale di proprietà all’interno dell’edificio. Ciò comporta che, chi possiede un appartamento più grande, paga di più.

A Torino le spese condominiali per un’abitazione partono da alcune decine di euro al mese, variando in base ai servizi offerti dal condominio.

Chi non abita paga il condominio?

A differenza di quanto avviene per gli immobili indipendenti, il proprietario è tenuto a pagare la propria quota per le spese condominiali in misura proporzionale al valore della proprietà anche in caso di appartamento lasciato vuoto.

L’articolo 1104 del Codice Civile stabilisce, infatti, che le spese condominiali restano a carico di chi acquista un’abitazione, anche se non vi risiede, poiché potrebbe utilizzare gli spazi comuni per accedere all’appartamento anche se lo lascia disabitato.

Vivere in condominio a Torino: spese condominiali ordinarie e straordinarie

Sebbene possano esistere comunque delle eccezioni in grado di ridurre il contributo alle spese condominiali (legate magari all’uso effettivo dei condomini), bisogna specificare che c’è una differenza tra le spese condominiali ordinarie e quelle straordinarie, obbligatorie in ogni caso.

Se si è in presenza di un contratto di locazione, ad esempio, le spese di condominio ordinarie ricadono sugli affittuari, mentre quelle straordinarie sui proprietari. È tuttavia sempre possibile accordare tra il proprietario e l’inquilino delle modifiche alla suddivisione delle spese.

Tra le spese ordinarie ci sono, per esempio: 

  • acqua ed elettricità
  • manutenzione in casa
  • stipendio del portiere.

Le spese straordinarie possono, invece, riguardare i lavori di rifacimento della facciata del palazzo o del tetto.

Vivere in condominio a Torino: come trovare i migliori

La vita di condominio apporta sicuramente molti benefici ed è preferita sia dai giovani single che dagli studenti e dalle famiglie. A Torino il numero di condomini supera quello di coloro che abitano in ville indipendenti.

Le soluzioni abitative condivise sono disponibili praticamente in ogni quartiere della città. Se non sai bene dove acquistare casa o affittarne una in un condominio a Torino, Panorama Casa ti suggerisce dove può fare più al tuo caso.

La nostra agenzia lavora sul territorio da oltre 30 anni ed ha sempre a disposizione varie strutture condominiali di ogni dimensione che rispondono a tutte le esigenze abitative.

Chiama lo 011 771 7047 o vienici a trovare in Via Nicola Fabrizi, 9 Bis E per scoprire dove andare a vivere in condominio a Torino e iniziare una nuova esperienza nel tuo nuovo quartiere preferito.